“Carpanea” di Franca Isolan

“Qua gh’era la cità de Carpanea, ch’el taramoto se l’à sprofondà “; cossì me poro Barba el me disea, passando via in careto par de là.
Carpanea, Carpanea, ghe sito stà? O gera i veci, po’, che i s’iludea?…
Sfoio le storie e lore no’ gh’in sa, gnanca me Barba, proprio, lo savea. Ma co’ se ara in vale a tiro oto opur co’ la ” Pavesi ” meio ancora, la gumera te svoltola par soto.
Siabole vece e travi ...

Continue Reading →

“El Radécio de Caselon” di Giorgio Gioco

Qua, fra i banchi della piassa,
fra spinasse, coste e pori
gh’è le ceste che sganassa
de i radici da par lori.

El radicio, cari miei,
quelo rosso deCaselon,
l’è un bocon de quei più bei
che fa la boca e i dise chè le quel piusè bon

L’è del piato un gran ruffian
Coi colori e col saor…
Quel radicio rosso vivo
Mi lo magno e no te digo…

Mi lo magno in t’un bocon
Musegando: “Dio, che bon”…

Continue Reading →

“Canto la bassa” di Mauro Capellari

Canto la bassa e tutti i campi verdi
solcati da quei larghi e lenti fossi;
e seguo il volo, prima che si perdi,
di aironi verso i bei tramonti rossi.

Le albe ed i tramonti nella bassa
di rossi e viola sono colorati;
il sole, quando sorge oppur s’abbassa
fiammeggia su orizzonti illimitati.

Là c’è un cancello, qua c’è un capitello,
la strada bianca in mezzo ai due fossati;
e ti avvicini piano ad un ostello
di canne, fiori e arbusti germogliati.

E’ ...

Continue Reading →