“Alpin de ieri, alpin de ancó” di Lucia Beltrame Menini

La prima to azion l’è l’alzabandiera
fradelo alpin da la pena nera,

po’, drito in pié, te stè su l’atenti
te passi in rassegna i provvedimenti

che ’l to Comando te inpone de fare
e insieme al to grupo te devi ’ndare.

Alpin de ieri, alpin de ancó
có riva on disastro, te si là inzamó,

par ogni problema, de ogni colore
te òperi a l’onbra del Tricolore;

tra aluvionà e teremotati
te porti aiuto a tuti i sfolati

pronto a inpiantare tende, solerte,
cucine da ...

Continue Reading →

“Luna vestìa de blu” di Lucia Beltrame Menini

Luna vestìa de blu,
parcossa sto colore?
Èlo par l’aqua granda
che à rabaltà Venezia?

Te n’à parlà le stele,
de sto dissesto in mare
che à alagà San Marco,
le cale co i canpièi?

Co tuto sto disastro
go in mente chel butelo:
l’era rivà co i tanti
sora on barcon dal Mali.
Quatordes’ani apena,
gnente tacuìn in scarsela
ma scrito in testa on sogno
che ’l s’à belo sfantà.

I l’à catà stechìo…
e in te la so majeta
ghera ...

Continue Reading →

“Al ricovero en du e du quatro i m’à sgnacà” di Helga El Morbin

Al ricovero en du e du quatro i m’à sgnacà co’ l’è stà ora
anche se gavea en man tuti i dì la lavaşuga e la spassaora
I m’à sgnacà en du e du quatro al ricovero chei malcunè
adeso bisognarìa che qualchedun le ciapesse fissi a scarpè

Con tuto quel che ò fato mi par lori
i m’à envià co’ me vegnù fora du dolori
e l’è inutile che me lamenta adesso
che anca el me sarvel l’è mal messo

Ma ...

Continue Reading →

“Carpanea” di Franca Isolan

“Qua gh’era la cità de Carpanea, ch’el taramoto se l’à sprofondà “; cossì me poro Barba el me disea, passando via in careto par de là.
Carpanea, Carpanea, ghe sito stà? O gera i veci, po’, che i s’iludea?…
Sfoio le storie e lore no’ gh’in sa, gnanca me Barba, proprio, lo savea. Ma co’ se ara in vale a tiro oto opur co’ la ” Pavesi ” meio ancora, la gumera te svoltola par soto.
Siabole vece e travi ...

Continue Reading →

“El Radécio de Caselon” di Giorgio Gioco

Qua, fra i banchi della piassa,
fra spinasse, coste e pori
gh’è le ceste che sganassa
de i radici da par lori.

El radicio, cari miei,
quelo rosso deCaselon,
l’è un bocon de quei più bei
che fa la boca e i dise chè le quel piusè bon

L’è del piato un gran ruffian
Coi colori e col saor…
Quel radicio rosso vivo
Mi lo magno e no te digo…

Mi lo magno in t’un bocon
Musegando: “Dio, che bon”…

Continue Reading →

“Canto la bassa” di Mauro Capellari

Canto la bassa e tutti i campi verdi
solcati da quei larghi e lenti fossi;
e seguo il volo, prima che si perdi,
di aironi verso i bei tramonti rossi.

Le albe ed i tramonti nella bassa
di rossi e viola sono colorati;
il sole, quando sorge oppur s’abbassa
fiammeggia su orizzonti illimitati.

Là c’è un cancello, qua c’è un capitello,
la strada bianca in mezzo ai due fossati;
e ti avvicini piano ad un ostello
di canne, fiori e arbusti germogliati.

E’ ...

Continue Reading →

“Mi voria cantar Verona” di Alessandro Norsa

La voria piena de sente
Parche’ son stanco de sto gnente,
La voria piena de vita e de rumori,
Parche’ l’e’ natural che la sente la staga fori,
Voria che n te le piasse i se coresse drio i butini,
Parche’ col tablet i diventa tuti cretini,
Voria che la sente capisse el valor de l’arte del spetacolo e del belo,
Parche’ no ghe vita sensa quelo,
Voria che la sente la capisse che n virus nol ga inventa’ la ...

Continue Reading →

“Venerdì Santo 2021” di Lucia Beltrame Menini

Caro uccellino, di penne lucenti
che sopra il pruno gorgheggi felice
da mane a sera e nulla paventi,
al solo udirti il mio cuore gioisce,

dimmi che hai scorto di là del mare?…

Gente con maschere non-carnevale,
tutti bardati di tute bianche
volti impauriti, da funerale,
vuote le strade, senza un passante…

E su quel monte, dimmi, chi c’era?…

Era di notte, notte più nera
un innocente davanti a Pilato
portava a spalle una croce vera,
poi fu deriso, percosso, umiliato…

E sul Calvario fu ...

Continue Reading →

“Santa Pasqua 2021” di Lucia Beltrame Menini

Nell’angoscia ti invoco,
salvami Signore! (dal salmo 17)

Che Pasqua strana!
Siamo rinchiusi in casa
fra quattro muri…
Fuori, la primavera
inverdisce i prati,
sbocciano i fiori,
volano in alto gli uccelli
con i loro ghirigori.
Fischiano i merli
gorgheggiano usignoli
da mane a sera.
Deserte le chiese…
Solo in video
i riti della Settimana Santa.
Tendo devota allo schermo
rami d’ulivo in fascio…
Il vescovo benedice e canta:
Sub tuum praesidium
sotto la tua protezione
Virgo gloriosa et benedicta!
Tacciono ...

Continue Reading →
Pagina 10 del 11 «...7891011