“Parlarte (A Livia)” di Luciano Celotti

Parlarte, vorìa, sta sera,
a pian,
co’ n fil de voce apena
e co’ l’anima mia
ne le to man.
Sentirte ancora
in brasso a mì,
improfumà
de cel e borotalco,
come quando te cunava
par farte indormensàr.
I to oci lustri
i me vardava imbamboladi
e mi te ‘smorsegava’
a pian,
su le ganasse che savea de late
parchè i basi che te dava
no’ i me bastava più.
Parlarte, vorìa sta sera,
a pian,
e indormensarme mì,
sta ...

Continue Reading →

“Telefono beige” di Milena Costantini

Lungo il corridoio,
piccolo il tavolo di noce
con il telefono beige.
Vicino, la sedia accogliente.

Ogni sera
all’ora di “Carosello”
squillava il telefono.
Sapevo chi era
e correvo a rispondere.

Lunghe le telefonate
a bassa voce,
dolci le parole.
Ci raccontavamo
fiabe da grandi,
il nostro futuro
in un mondo a colori.

Svanì l’arcobaleno
e cadde la linea
sui nostri sentimenti.

Rimase muto il telefono beige
all’ora di Carosello.
Nel mio cuore

…tuu,..tuu,…tuu…tuu,…tuuuu

Continue Reading →

“E vegnarà” di Luciano Celotti

E vegnarà quel benedetto giorno
– che sarìa anca ora! –
e catarme co’ i pensieri desgropà,
e sensa la paura che me porto indosso
com ‘n pastràn insupà.
E desmentegàr sti sogni bruti
– piassè veri de la realtà –
e riussìr a dìr ‘na semplice preghiera
– ma tùta intiera! –
co’ l còr che finalmente el ride
come quando corèa a zugàr.
E vegnarà quel benedetto giorno
– che sarìa anca ora! –
e nar par strada ...

Continue Reading →
Pagina 3 del 11 12345...»