“De sera… de note” di Luciano Celotti

De sera me chièto,
devento più bon,
svanisse le vòie cative,
perdono el Signor.
De sera désmentego
el giorno da pòco finìo
e spéto la nòte.
De nòte camino par strada,
e pianso da solo
parchè tanto nessuno me sente.
El pianto l’é meìo de gnente,
el me fa compagnia,
e mentre camìno me sfogo
lesendo poesia.
Se vérse porte e finestre,
i me siga brute parole
e alora mì sigo ancora più forte:
– No’ ghé da rabiarse,
i ...

Continue Reading →

“Non credo alla poesia” di Luciano Celotti

Non credo alla poesia
che canta e sole e cielo e terra,
e false lune appese a un filo.
Non credo alla poesia
che santifica il non senso
e si atteggia a prostituta
pur di vendere emozioni a poco prezzo.
Né credo al contrabbando
di salvifiche parole ‘formattate’
con l’uso del computer,
‘pro-memoria’ della lista della spesa.
Credo invece alla poesia
che non fa rima,
e che racconta,
senza tanti giri di parole,
questo oscuro ‘primo tempo’
che qualcuno chiama ...

Continue Reading →

“Ma quante preghiere” di Luciano Celotti

Ma quante preghiere
gò ancora da dirte, Signor,
parché te te incorsi de mì?
Ma tì, mentre te prego,
sa sito drìo a far?
Forse te scolti altre preghiere
dite da chi gà più fede de mì
che invesse te prego rabiado,
quasi sigando par farme sentir!
La fede la serco,
no’ sta verghe passion,
ma quante volte bisogna che diga:
– Domine, non sum dignum! –
par farme conossar da tì?
La penitenza la fasso
ogni giorno par meritarme
Continue Reading →

“Partenze” di Daniela Negrini

Mi son ritrovata
con la valigia in mano
a percorrere le strade dei sogni.
Dentro tanti ricordi,
le foto dei tuoi sbiaditi sorrisi,
due stracci e tanta buona volontà.
Volontà di ricominciare
voglia di vivere una vita
errabonda.
Partire e lasciare
la mia terra mi costa
sudore e sangue.
Ma questo è il destino
del migrante e dell’esule;
mentre dentro mi scoppia
il cuore, sento nelle mie mani
il profumo del mio mare
e del glicine di casa mia.

Continue Reading →
Pagina 4 del 10 «...23456...»