“De sera… de note” di Luciano Celotti

De sera me chièto,
devento più bon,
svanisse le vòie cative,
perdono el Signor.
De sera désmentego
el giorno da pòco finìo
e spéto la nòte.
De nòte camino par strada,
e pianso da solo
parchè tanto nessuno me sente.
El pianto l’é meìo de gnente,
el me fa compagnia,
e mentre camìno me sfogo
lesendo poesia.
Se vérse porte e finestre,
i me siga brute parole
e alora mì sigo ancora più forte:
– No’ ghé da rabiarse,
i ...

Continue Reading →

“Non credo alla poesia” di Luciano Celotti

Non credo alla poesia
che canta e sole e cielo e terra,
e false lune appese a un filo.
Non credo alla poesia
che santifica il non senso
e si atteggia a prostituta
pur di vendere emozioni a poco prezzo.
Né credo al contrabbando
di salvifiche parole ‘formattate’
con l’uso del computer,
‘pro-memoria’ della lista della spesa.
Credo invece alla poesia
che non fa rima,
e che racconta,
senza tanti giri di parole,
questo oscuro ‘primo tempo’
che qualcuno chiama ...

Continue Reading →
Pagina 5 del 11 «...34567...»