“Ma quante preghiere” di Luciano Celotti

Ma quante preghiere
gò ancora da dirte, Signor,
parché te te incorsi de mì?
Ma tì, mentre te prego,
sa sito drìo a far?
Forse te scolti altre preghiere
dite da chi gà più fede de mì
che invesse te prego rabiado,
quasi sigando par farme sentir!
La fede la serco,
no’ sta verghe passion,
ma quante volte bisogna che diga:
– Domine, non sum dignum! –
par farme conossar da tì?
La penitenza la fasso
ogni giorno par meritarme
Continue Reading →

“Partenze” di Daniela Negrini

Mi son ritrovata
con la valigia in mano
a percorrere le strade dei sogni.
Dentro tanti ricordi,
le foto dei tuoi sbiaditi sorrisi,
due stracci e tanta buona volontà.
Volontà di ricominciare
voglia di vivere una vita
errabonda.
Partire e lasciare
la mia terra mi costa
sudore e sangue.
Ma questo è il destino
del migrante e dell’esule;
mentre dentro mi scoppia
il cuore, sento nelle mie mani
il profumo del mio mare
e del glicine di casa mia.

Continue Reading →

“A ’na putina” di Giovanni Ceriotto

Bela putina, dal bochin de rosa,
co i to cavei incaneladi e biondi,
da i oci neri, così bei rotondi,
che i cose ’l cor par farlo andar in mòsa;

Posso saver parchè te te confondi,
se mi te guardo o te voi dir qualcosa?
Vuto farghe anca ti da parmalosa,
che fra do smorfie quel facin te scondi?

Ghetu forsi paura de stracarli
quei ocieti che i brusa come stissi?
O pensito canaia de salvarli,

Così rotondi, così neri e bei,
così ...

Continue Reading →

“Na poesia par la Madona” di Luciano Celotti

Ancò, no’ so parchè,
m’à ciapà la vòia
de scrivàr – pensa tì –
du versi a la Madona:
ma scrivar na roba bèla,
che la sia na mesa via
tra na preghiera e na poesia.
Ma scriva cosa?
Parchè co’ la Madona,
che l’è sì na dona,
ma l’è na dona
deventà Madona,
no te pol mia parlar così,
come la vien la vien
e dir le solite parole
che no le dìse gnanca
quel che te volaressi dìr!
Continue Reading →

“Tegnìme da conto co’ sarò vecia” di Helga El Morbin da Sandrà

Tegnìme da conto co’ sarò vecia
anca se sarò sorda da ‘na recia
tegnìme da conto ve dimando
anca se el me sarvel el narà rumando

Mi ve son vegnùa sempre adrio
e no me son mai tirà endrio
diman a vualtri ve tocarà
de curar anca el vecio bupà

Pensì che de scherşar gabia oia?
No, ardì che ormai ghema i piè en moia,
nema viste tante e ‘na mota nema butà
e non volema da veci ciapar solo ‘na scarpà

Se ...

Continue Reading →

“Rivà a sto punto” di Luciano Celotti

Rivà a sto punto
no me resta che
tirar i remi in barca
e spetàr che riva sera.
In scarsèla resta poco,
qualche schèo che ormai
no’ l val più gnente,
e che no spendo
soltanto par prudensa.
Rivà a sto punto
no me importa
de quel che ò fato bèn,
de quel ò fato a spane:
ormai l’è massa tardi
par piansàr sul làte
che t’è spànto.
L’è ora de seràr botèga,
scusarse del disturbo.
passàr su l’altra sponda
Continue Reading →

Pagina 6 del 11 «...45678...»